visite

informativa resa ai sensi dell'art. 13 del Codice pagina: http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html il visitatore potrà negare il proprio consenso all'installazione dei cookie di ShinyStat modificando opportunamente le impostazioni del proprio browser o cliccando sull'apposito link per attivare l'opt-out: http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html.

sabato 22 aprile 2017

Lunedì 24, si festeggia l’arrivo della Liberazione dal nazifascismo. Entrata libera.

Liberi anche di cantare e ballare.

A Paderno Dugnano, presso il Circolo il Circolo ARCI di Palazzolo Milanese, si terrà la “Festa d’Aprile” organizzata dalla locale sezione dell’ANPI, dal Circolo ARCI Amicizia e Solidarietà e dal Circolo Eco-Culturale LA MERIDIANA.

Dalle ore 21,30 si esibirà la band padernese "BLUE IN GREEN" (Bruno Costanzi, chitarra – Stefano Doro, sax – Maurizio Gerardini, batteria – Gianni Casiroli, basso) e seguirà la proiezione del film "Giovanni e Nori " Storia d'Amore e Resistenza.

Infine, A MEZZANOTTE il BRINDISI all’arrivo del 25 aprile, Festa della Liberazione.
L’indomani, martedì, alle ore 9,30 appuntamento in Piazza della Resistenza per partecipare al corteo antifascista.




Come richiamato nel sito del Circolo Eco-Culturale LA MERIDIANA“Giovanni e Nori” è una storia di amore e di Resistenza che si sviluppa tra le pieghe del Novecento.

E’ la storia di Giovanni Pesce e Onorina Brambilla detta Nori che si snoda dall’immigrazione in Francia alla guerra civile in Spagna, passando per il confino di Ventotene, la lotta partigiana a Milano e Torino, il campo di concentramento di Bolzano, i giorni della Liberazione, fino ad oggi. Perché nulla vada mai dimenticato.

Un film di 54 minuti per ricordare Giovanni Pesce e Onorina Brambilla Nori, attraverso il lungo tour di uno spettacolo di successo con Daniele Biacchessi (voce narrante, testo, regia), Marino Severini Gang (voce, chitarra 12 corde), Sandro Severini Gang (chitarra elettrica), Gaetano Liguori (piano elettrico), Giulio Peranzoni (illustrazioni live con tecnica Ldp), con il patrocinio dell’Associazione Memoria storica Giovanni Pesce.



venerdì 21 aprile 2017

GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA sabato 22 aprile.

Mobilitazione del movimento ambientalista in tutto il mondo per costruire la “democrazia ambientale”.


Un’occasione per celebrare il pianeta su cui viviamo e per affrontare questioni che riguardano la protezione dell’ecosistema, la lotta all’inquinamento, il modo per contrastare la scomparsa di tante specie animali, vegetali e il progressivo consumo di suolo.

  


In Europa, la Giornata della Terra è l’occasione, per le 500 associazioni che hanno promosso il coordinamento Europeo di People4Soil, di inviare una lettera aperta al Presidente della Commissione Europea, Juncker, con la richiesta che la Commissione Europea torni a promuovere una direttiva quadro per la tutela del suolo.

domenica 2 aprile 2017

Pensiero globale, azione locale: uniti dall’idea universale Verde "ECO-EQUO".

Il Congresso planetario del movimento Verde mobilitato per l’ecologia
ambientale, sociale, politica.


Dopo quattro giorni di lavoro, oggi si è concluso il Congresso di Global Greens, la federazione mondiale che raggruppa i partiti ecologisti. Contestualmente l'assise ha ospitato anche i partecipanti al meeting del Partito dei Verdi Europei, la sezione europea, organizzatrice dell'evento.

Il Congresso si è tenuto a Liverpool da giovedì 30 marzo a oggi, domenica 2 aprile. Si è concluso con una DICHIARAZIONEMa quale forza politica oggi può fare un convegno mondiale con esponenti di più ottanta Paesi?

La delegazione dei Verdi italiani ha affermato: "Siamo fieri di essere federati, come unica forza italiana, alla grande famiglia dei Verdi Europei che, in questa occasione, ha riunito tutti i Verdi delle diversi parte del pianeta. Più di 1800 delegati che hanno discusso su come affrontare le crisi ambientali, i conflitti e le ineguaglianze delle società contemporanee. La forza e l'energia che abbiamo riscontrato a Liverpool è un buon viatico che ci consentirà di portare avanti ancora con più decisione lo sforzo per rilanciare anche in Italia idee e politiche ecologiste, dei diritti e della solidarietà". 


Alla federazione mondiale Global Greens aderiscono i Verdi di 82 Paesi che hanno partecipato con una delegazione. La federazione mondiale è composta da quattro sezioni corrispondenti a:
Continente africano, Asia e Oceano Pacifico, America, Europa.

AFRICAN GREEN FEDERATION: 22 Paesi (Partiti e movimenti Verdi affiliati: Burkina Faso – Burundi – Ciad – Repubblica Democratica del Congo – Egitto – Gabon – Guinea – Kenya – Madagascar – Mali – Mauritius – Marocco – Niger – Ruanda – Senegal – Sierra Leone – Somalia – Sud Africa – Togo – Uganda – Zambia – Zimbabwe).

ASIA PACIFIC GREENS FEDERATION: 11 Paesi (Partiti e movimenti Verdi affiliati: Australia - Corea - Filippine - Giappone - India – Indonesia – Mongolia – Nepal – Nuova Zelanda – Pakistan – Taiwan).

FEDERATION OF GREEN PARTIES OF THE AMERICAS: 12 Paesi (Partiti e movimenti Verdi affiliati: Argentina - Bolivia - Brasile– Canada – Cile – Colombia – Guatemala – Messico – Nicaragua – Perù – USA – Venezuela).

EUROPEAN GREEN PARTY: 37 Paesi (Partiti e movimenti Verdi affiliati dall’oceano Atlantico agli Urali e Caucaso)

venerdì 31 marzo 2017

La lista civica “Insieme per Cambiare” nel giorno della FIERA di Primavera

“Vogliamo incontrare persone
che condividono
l'amore per la nostra città”.

Domenica 2 aprile, in occasione della Fiera di Primavera, le “coccinelle” della lista civica “Insieme per Cambiare” saranno presenti con due gazebo in Piazza Oslavia e sul sovrappasso tra Via Camposanto e Via Cesare Battisti.

Due postazioni dove incontrare i cittadini attivi di Insieme per Cambiare e ritirare il foglio “La Coccinella” che tratta le tematiche sulle quali la lista civica si sta maggiormente impegnando in questo periodo per migliorare la vita nella città.


giovedì 30 marzo 2017

Paderno Dugnano: “La Città di Plastica” IN MOSTRA alla scuola S. Allende, Via Italia 13.

La plastica è sparsa ovunque,
abbonda nelle città, forma isole nei mari.




I rifiuti sono sparsi ovunque a partire da Paderno Dugnano. Mostrare le "condizioni estetiche" del nostro territorio e sensibilizzare la cittadinanza e i giovani studenti ad effettuare al meglio la raccolta differenziata, in particolar modo delle plastiche che non sono biodegradabili, ma sono riciclabili, è la finalità della mostra d’arte "La città di plastica".

SABATO 1 Aprile dalle ore 10.00 alle 12.00, 
la mostra sarà aperta AL PUBBLICO.


La mostra, presentata dal Circolo Grugnotorto di Legambiente e realizzata dal “Comitato Cara Terra Mia”, espone uno spaccato del nostro territorio comunale: i rifiuti sparsi ovunque.

Il tema dell'abbandono dei rifiuti, in particolar modo di plastica, è un problema mondiale, tanto che ogni anno l'Unione Europea promuove NON la giornata, bensì la SETTIMANA DELLA RIDUZIONE DEI RIFIUTI.

E' notizia di questi mesi dell'ingrandimento dell'isola di plastica nell'Oceano Pacifico, dove le correnti hanno accumulato rifiuti plastici in un agglomerato più esteso del territorio degli Stati Uniti d'America. Le conseguenze, oltre che estetiche, sono di tipo ecologico: la plastica sminuzzata è ormai entrata nella catena alimentare, dai pesci all'uomo, con conseguenze gravissime sulla salute nostra e del pianeta.

Tra Toscana e Corsica il record di plastica nel Mediterraneo, l’alto Tirreno è infestato da dieci chili di piccoli frammenti per chilometro quadrato.

UN FILM PER APPROFONDIRE:
Il film documentario “Trashed”, molto interessante e ben fatto, espone al pubblico la portata e gli effetti del problema globale dei rifiuti. Si tratta di un percorso investigativo, puntuale e coraggioso, che porta l'attore Jeremy Irons (e noi con lui) dallo scetticismo e dal dolore a un sentimento di speranza.

TRAILER del film “TRASHED Verso rifiuti zero con l’attore Jeremy Irons. Il DVD del film è reperibile presso la BIBLIOTECA Tilane.

mercoledì 29 marzo 2017

Legge sui PARCHI: le reazioni delle associazioni ambientaliste.

Verso la demolizione della legge del 1991
sulle aree protette
voluta dai parlamentari Verdi

Da lunedì 27 marzo alla Camera è in discussione una proposta di legge, già approvata dal Senato, che indebolisce gravemente il sistema delle aree protette italiane mettendo in pericolo il nostro patrimonio naturale.


I parchi nazionali, che rappresentano un patrimonio di tutti gli italiani, possono diventare terreno di conquista.

Il Parlamento, con l’apporto decisivo del governo e del ministro dell’ambiente, sta smantellando il sistema delle aree naturali protette creatosi con la legge quadro nazionale 394 del 1991.

Purtroppo dobbiamo prendere atto che chi ha governato l’Italia negli ultimi anni ha pensato solo a distruggere le politiche ambientali e di salvaguardia del territorio: dallo sblocca Italia (Trivelle), fino al decreto 91/2014 che ha consentito la deroga degli scarichi inquinanti delle grandi industrie a mare, fino al colpo di genio dello smantellamento dei Parchi.

Di seguito i link dove potete conoscere le reazioni dei Verdi, del noto geologo e divulgatore scientifico Mario Tozzi, del giornalista Vittorio Emiliani che presiede il "Comitato per la bellezza", delle associazioni WWF, LEGAMBIENTE e LIPU.




Vittorio Emiliani: Una legge per distruggere i Parchi Nazionali. Vittorio Emiliani, giornalista e saggista, presiede il “Comitato per la bellezza” che è costituito dalle principali associazioni ambientaliste. 



Come mobilitarsi insieme al WWF in questa battaglia fondamentale: il sito della "campagna SOS Natura d'Italia"

Più accondiscendente la reazione della dirigenza nazionale di Legambiente.


Segnaliamo che per questo la Lipu ha lanciato un appello al Presidente della Commissione Ambiente della Camera, Ermete Realacci. Questi, secondo noi, si professa sì ambientalista, ma nella sua attività parlamentare lo dimostra poco e ci pare particolarmente incline a facili compromessi.

martedì 28 marzo 2017

Monza e Lissone, il Parco del Grugnotorto diventa più grande.

Biciclettata di festa 
per l’ampliamento del parco.


I Verdi di Paderno Dugnano esprimono la loro soddisfazione per l’allargamento del Parco del Grugnotorto ai comuni di Monza e di Lissone.



La costituzione del parco locale di interesse sovracomunale è stato l’obbiettivo che i Verdi di Paderno Dugnano si erano posti con la presentazione alle elezioni comunali del 1990 (Verdi Arcobaleno). Con i Verdi dei comuni limitrofi si sono mobilitati per questo obiettivo, raggiunto quando, con le elezioni comunali del 1995, i Verdi sono entrati nella Giunta comunale della nostra città.

Ci sono voluti 13 anni di sensibilizzazione, iniziative nel territorio e nelle istituzioni locali, e infine di pratiche burocratiche, perché il progetto degli ambientalisti fosse formalmente riconosciuto, nel 1999, dalla Regione Lombardia. 

Nel 2004 anche Cinisello Balsamo si è aggiunto agli altri cinque comuni del Parco del Grugnotorto-Villoresi: Paderno Dugnano, Cusano Milanino, Muggiò, Nova Milanese e Varedo.

Da quel settembre del 1986 in cui la Legambiente di Varedo pubblicò la proposta di realizzare il Parco del Grugnotorto con l’intento di salvaguardare dal cemento e dall’asfalto il poco verde significativo rimasto in questa zona altamente edificata, il percorso è stato lungo e difficoltoso, ma alla fine ha vinto la cocciutaggine degli ambientalisti con il consenso e l’aiuto di molti cittadini.

Un percorso che a partire dal 1990 ha visto le prime battaglie dei Verdi nel Consiglio Comunale di Paderno Dugnano, e che poi, con la nuova Giunta del 1995, nominato Assessore all’Ambiente il verde Damiano Ricci, fu tracciata in modo decisivo la via verso l’attuazione di questo progetto con l’aiuto del Circolo locale di Legambiente, costituito a Paderno Dugnano nel 1989 e che ha scelto di chiamarsi Grugnotorto proprio perché nato con l’obiettivo del parco.

La proposta nata nel 1986 pose come base un progetto che coinvolgeva i Comuni di Varedo, Nova Milanese e Paderno Dugnano attorno al Viale Bagatti, al Canale Villoresi e all’allora costituendo Parco del Lago Nord di Incirano, in un secondo momento si è allargata anche alle aree verdi, ancora libere dalla cementificazione, dei comuni di Cusano Milanino, Muggiò, Cinisello Balsamo e poi anche di Bovisio Masciago e Desio.

sabato 25 marzo 2017

Conferenza programmatica dei VERDI italiani

Il futuro sostenibile

Roma, Sabato 25 e Domenica 26 MARZO



Segui la diretta audio video su facebook
Sabato 25 marzo dalle 11 alle 19 
Domenica 26 marzo dalle 10.30 alle 14.30
#OpenSpace2017

Stati Uniti d'Europa ADESSO !

Un’Europa libera, democratica, fraterna, ecologica, giusta.


Anche i Verdi europei oggi sono a Roma, con una delegazione multicolore che, con i Verdi italiani, parteciperà a molte delle iniziative in campo, dalla Marcia federalista a quella dei movimenti associativi “La Nostra Europa” e anche a dibattiti con altri partiti pro-Europa, europei e italiani, in qualche caso lontani dalle nostre idee, ma uniti in quella che deve essere comunque una festa, perché questi 60 anni, con tutti i loro limiti, sono da celebrare.

 




A meno che Trump decida di schiacciare il bottone nucleare prima, abbiamo un po’ più di due anni per “occupare” l’Europa. E’ arrivato il momento di essere precisi quando si vuole discutere di “un’altra Europa”.
Sono da escludere scorciatoie illusorie come l’uscita dall’euro che causerebbe conflitti economici e politici tra i membri dell’Unione Europea senza alcuna possibilità di arginarli.

L’Unione Europea della finanza e delle banche e l’europeismo istituzionale, delle politiche “austere”, hanno raffreddato il sogno. Ma non si battono i cambiamenti climatici, non ci si assicura la fine di elusione ed evasione fiscale, non si gestisce il flusso di chi fugge da guerra e povertà, non si costruiscono società aperte ma sicure, insomma non si realizzano obiettivi “rivoluzionari” rinchiudendosi ognuno nei propri confini.

Questo è il momento di battersi per l’unione politica dell’Europa che vorremmo libera, democratica, ecologica, fraterna, aperta e socialmente giusta in contrapposizione ai leader e ai partiti europei di destra fomentatori di divisione nazionalistica, odio e paura.




giovedì 23 marzo 2017

MICROCREDITO - Bilanci familiari e stili di vita.

Sperimentare nuovi modi
di aiuto allo “Stato Sociale”. 

Il  “Gruppo di Risparmio Solidale di Paderno Dugnano”, collegato alla finanza mutualistica solidale di MAG2, è in attività da 17 anni.

Il “Gruppo di Risparmio Solidale di Paderno Dugnano” ora vuole allargare le adesioni e per questo invita a partecipare agli incontri di venerdì 24 e venerdì 31 marzo dalle ore 18 alle 21,30 a Paderno Dugnano, presso la Cooperativa Due Punti a Capo, Via Ugo la Malfa 5B.


Per informazioni: 02 669 6355 (orari d’ufficio)





lunedì 13 marzo 2017

Il tema del “FINE VITA” in un FILM e un DIBATTITO

Paderno Dugnano,

TESTAMENTO BIOLOGICO
terzo incontro


La lista civica “Insieme per Cambiare”, torna a proporre una riflessione sul fine vita a sostegno della proposta dell’istituzione del Registro Comunale sul “Testamento Biologico”.

Il film documentario “La natura delle cose” tratta del percorso terminale di un ammalato di SLA, il protagonista del film, che vive come un’astronauta in missione, in esplorazione dei limiti dell’umano, con la passione di chi ama la vita ma sa di doverla lasciare a breve. 

Con gli occhi, il solo organo mobile, il protagonista batte in “eyetracking” le lettere sul computer, una a una per raccontare la sua storia: «Mi chiamo Angelo Santagostino e ho due figli, Sara e Matteo. Sono loro i facilitatori della mia esistenza. Puoi capirlo?».

Al dibattito che seguirà parteciperà la figlia Sara, insieme alla regista e allo psicologo palliativista che ha seguito l’ammalato.



Il film è stato presentato fuori concorso al Festival del Film di Locarno dell’agosto 2016. 
Il trailer del film e visibile si You Tube.

Con questa iniziativa, la lista civica “Insieme per cambiare” vuole sostenere la sua proposta di istituire il Registro comunale per il testamento biologico, tramite una Mozione, presentata dal consigliere Giovanni Giuranna, che sarà sottoposta prossimamente al voto del Consiglio Comunale.

Il primo incontro pubblico su questo tema si è svolto il 30 ottobre 2014 con la presenza, tra gli altri, di Beppino Englaro, padre di Eluana.

Il secondo incontro pubblico si è svolto il 15 gennaio 2015.

mercoledì 8 marzo 2017

Sabato 11 marzo a PADERNO DUGNANO continua la “Giornata Internazionale della Donna”.

Al Circolo ARCI Amicizia e Solidarietà di Palazzolo Milanese alle ore 20,30

Un recital di donne recitato e cantato 




Un 8 MARZO 2017 di LOTTA con grande MOBILITAZIONE e PARTECIPAZIONE

8 MARZO di lotta: Sciopero Internazionale delle Donne con manifestazioni, in fucsia e nero di "Non una di meno”, in tutto il mondo contro la misoginia, la xenophobia, la transfobia, il razzismo e i femminicidi.


Vicino a noi: una marea di persone la mattina a Milano da Largo Cairoli a sotto il Palazzo Lombardia e alle ore 18 ancora da Piazza Duca d’Aosta a Porta Venezia. Diverse sono stati i luoghi dove ci sono state occasioni di mobilitazioni nell’area della città metropolitana per alzare la voce contro i sistemi di oppressione e violenza.


Le donne di 40 Paesi sono unite in questo sciopero internazionale composto non solo da migliaia di organizzazioni femministe ma, in gran parte, da movimenti locali e da donne singole: “Lo Sciopero Internazionale delle Donne è stato creato per tutte le donne e ogni donna ne fa parte”.

“Noi donne non tollereremo più le restrizioni imposte su di noi dai potenti. Siamo unite come non mai nella storia, rappresentiamo più di metà della popolazione su questo pianeta e lotteremo per il bene comune senza fermarci, fino a quando le nostre richieste non verranno realizzate. Chi ci governa non ha risposto alle nostre richieste di diritti, perciò ora deve temerci”.

“Siamo invincibili, siamo ovunque, in ogni angolo del mondo. Perché abbiamo l’arma migliore: la solidarietà”.

E' morto Danilo Mainardi, ecologista e attivista ambientalista.

Ciao Danilo.


"Gigante della scienza, Danilo Mainardi è stato un faro per la cultura italiana e un assoluto punto di riferimento per la Lipu" 

Con queste parole, il Comunicato Stampa della LIPU ha annunciato la sua scomparsa. Il bell' 8 MARZO, grande giornata di lotta delle donne di tutto il mondo, è stato funestato, questa mattina, dalla notizia della morte a Venezia di Danilo Mainardi. Aveva 83 anni. Docente di Biologia e di Ecologia comportamentale, è stato collaboratore del “Corriere della Sera” e noto al pubblico televisivo per la sua partecipazione a diverse puntate di "Quark" e "SuperQuark". Ecologista, divulgatore, attivista ambientalista, per 40 anni a fianco dell’associazione LIPU (Lega Italiana Protezione Uccelli) che dal 1996 ne fu presidente.

domenica 5 marzo 2017

8 MARZO: mercoledì iniziativa mondiale, sabato a Paderno Dugnano

Non una di meno” propone un 8 marzo di lotta 

La sfida di uno sciopero
femminista globale




“Niente fiori e cioccolatini, dunque: non abbiamo niente da festeggiare, abbiamo tutto da cambiare! Dopo le straordinarie giornate di mobilitazione che hanno visto milioni di donne nelle piazze di tutto il mondo, dalla Polonia, all’Italia, alla Germania, alla Turchia, dal Brasile all’Argentina, il prossimo 8 marzo sarà l’occasione per riprenderci questa giornata di lotta: sarà SCIOPERO GLOBALE DELLE DONNE. Lanciato dalle donne argentine, ha raccolto l’adesione di oltre 22 Paesi al grido di “Se le nostre vite non valgono, non produciamo”. Differenti luoghi e contesti, analoga condizione di subalternità e violenza per le donne: NI UNA MENOS, allora, non una di meno in piazza, la chiamata rimbalza ai quattro angoli del pianeta: Uniamoci per continuare a lottare!”
______________

A PADERNO DUGNANO, In occasione della "Giornata internazionale della donna", Sabato 11 marzo, ore 20.30, il “Circolo Eco-Culturale LA MERIDIANA” e il “Circolo ARCI Amicizia e Solidarietà di Palazzolo Milanese” propongono uno spettacolo dal titolo:

Racconti al femminile recitati e cantati da donne

con Emilia LEONELLI (attrice) e Micaela CALVANO (cantante e musicista).



mercoledì 1 marzo 2017

I Verdi: Testamento biologico, la politica si faccia sentire

Gianpaolo Silvestri: Lo Stato si ritragga, la politica agisca




“Sollevato da un inferno di dolore non grazie allo Stato”. Di fronte a questa denuncia di Fabiano Antoniani, DJ Fabo, espressa prima di concludere la sua esistenza accompagnato nella morte assistita in Svizzera, “lo Stato si deve ritrarre e con pudore e rispetto accogliere la volontà libera e consapevole espressa e messa in atto", scrive in una nota Gianpaolo Silvestri, responsabile Diritti Civili dei Verdi, che prosegue:

"Si, lo Stato si deve fermare e non interferire, solo prendere atto e sostenere. La politica invece deve agire, presto e decisamente. Da troppo tempo in Italia non si intravede neppure lo straccio del "testamento biologico" e le normative sul "fine vita" sono sempre nelle mani dei medici, magistrati, istituzioni "etiche" e mai del vero soggetto di diritto di parola e decisione: la persona che vive concretamente lo svanire di una vita degna di essere vissuta. Non siamo tra quelli che con facilità inneggiano ad eutanasie e morti volute e/o desiderate: speriamo sempre che cure, assistenza adeguata, calore degli affetti pendano a favore della vita ma mai, mai, ci sostituiremo alla volontà di chi vive sul proprio corpo la tragedia di una inabilità estrema."

"La politica si dia una mossa, con cautela ed attenzione - conclude Silvestri - ma nel rigoroso rispetto di volontà libere e consapevoli."


Fonte originale sito “Federazione dei Verdi”
"Tutte le promesse di benessere e tutte le sicurezze date in epoca moderna dalle istituzioni statali nazionali, dai politici e dagli esperti di scienze e tecniche, sono state distrutte. E non c'è più in giro un'istanza che tolga all'uomo le sue nuove paure. Ecco allora che la crisi ecologica ci fa intravedere qualcosa come un senso all'orizzonte, persino la necessità di una politica globale ed ecologica nel nostro agire quotidiano". U. Beck